top of page

Metamask sta raccogliendo i dati degli utenti



MetaMask è un portafoglio di criptovalute e un portale per le applicazioni blockchain. È disponibile come applicazione mobile e come estensione per il browser e fornisce ai suoi utenti un caveau di chiavi, un portafoglio di token, un login sicuro e uno scambio di token. Si collega a più di 3.700 app e ci sono più di 21 milioni di utenti attivi mensili di MetaMask, il che lo rende uno dei portafogli di criptovalute più utilizzati sul mercato. È di proprietà di ConsenSys AG, valutata 3,2 miliardi di dollari. Ieri ConsenSys ha aggiornato la sua politica sulla privacy e c'è un aggiornamento che è stato molto discusso. In questo articolo vogliamo parlare dell'aggiornamento dell'informativa sulla privacy di ConsenSys e del perché tutti ne parlano.


Un aggiornamento molto discusso

Uno dei motivi principali per cui MetaMask è così popolare tra gli utenti di criptovalute esistenti e nuovi è che è facile da integrare con quasi tutte le piattaforme basate su Ethereum. Inoltre è gratuito e si può utilizzare sia attraverso un'estensione del browser web, sia attraverso il proprio smartphone, su un'app. In breve, è facile da installare, da usare e obbligatorio per quasi tutte le dApp su Ethereum.


Ieri ConsenSys ha pubblicato la sua informativa sulla privacy aggiornata e da allora un paragrafo è stato molto discusso.


https://consensys.net/privacy-policy/

"Quando si utilizza Infura come provider RPC predefinito in MetaMask, Infura raccoglie il vostro indirizzo IP e l'indirizzo del vostro portafoglio Ethereum quando inviate una transazione".


Prima di discutere questo cambiamento nell'informativa sulla privacy di ConsenSys, dobbiamo dare una breve occhiata all'RPC e a cosa sia.


Per completare le richieste degli utenti, come l'invio di transazioni, il recupero di dati di blocco o la valutazione dello stato della blockchain, un'applicazione decentralizzata (dApp) ha sempre bisogno di dati dalla blockchain. Attraverso le chiamate di procedura remota (RPC), i nodi collegano le dApp alla blockchain.


Utilizzando i nodi RPC, le applicazioni web3 possono interagire con la blockchain e accedere più facilmente ai dati degli utenti.



Perché questo aggiornamento è così controverso?

Un grosso problema è che Infura viene sempre utilizzato automaticamente come provider RPC predefinito e si deve scegliere attivamente un altro provider.


Un altro problema, e fondamentalmente il punto centrale di web3, era rappresentato dalle preoccupazioni sulla decentralizzazione e sul fatto che una vera applicazione web3 non dovrebbe raccogliere i dati degli utenti. Per questo motivo la reazione della comunità di Twitter è stata vibrante e le persone sono ancora alla ricerca di alternative.



Altre opzioni a disposizione

Esistono diverse opzioni per evitare la raccolta dei vostri dati privati, di cui vogliamo parlare ora.


  • VPN; Una soluzione semplice e veloce è l'utilizzo di una VPN per nascondere la vostra posizione quando utilizzate MetaMask, ma sappiate che una VPN interrompe solo la raccolta dei dati sulla posizione e non l'indirizzo del portafoglio.

  • MetaMask; potete semplicemente rimanere con MetaMask e cambiare il vostro provider RPC. Un elenco di altri provider è disponibile qui. Quasi tutti i provider hanno un tutorial dettagliato su come installare e utilizzare il loro servizio.

  • Altri portafogli; è possibile utilizzare anche altri portafogli come Trust Wallet o Rainbow wallet.

  • La possibilità migliore e più decentralizzata è quella di gestire il proprio nodo completo come RPC, ma questo è un argomento da trattare in un altro articolo.


Comments


Iscriviti alla Newsletter

 

Grazie per l'iscrizione!

Ultimi Articoli

bottom of page