top of page

Come inviare le Crypto tra le diverse blockchain?



Uno dei più grandi problemi con la DeFi e la tecnologia Blockchain in generale è che non c'è un processo perfetto per spostare beni da una blockchain all'altra.

Questo porta ad un'economia di criptovalute altamente fratturata dove gli utenti devono trovare il modo di spostare i loro beni da una catena all'altra.

Ci sono alcuni modi per farlo, ma per una persona media, il processo non è molto chiaro. Le possibilità di fare un errore e perdere i fondi sono alte.

Semplificare il processo decentralizzato di spostamento dei beni tra blockchain differenti è essenziale per lo sviluppo della defi.

Disclaimer: NON è una consulenza finanziaria né di investimento. Solo tu sei responsabile di qualsiasi decisione relativa al capitale che prendi e solo tu sei responsabile dei risultati.


Cos'è il bridging?

Un modo per spostare il capitale da una catena all'altra è attraverso un metodo chiamato cross-chain bridging.

Un ponte cross-chain crea una connessione tra due blockchain facilitando il flusso di dati, capitale e beni tra i rispettivi ecosistemi. Questo funziona attraverso l'uso di smart contract.

Consideriamo il semplice esempio di un utente che fa un bridge di ETH da Ethereum ad Avalanche:

L'utente deposita ETH da un portafoglio Ethereum nel contratto di bridging.

Questo ETH viene bloccato sul lato Ethereum, e un token ETH equivalente viene coniato sul lato Avalanche - WETH (Wrapped ETH)

WETH è legato a ETH in un rapporto 1:1, poiché WETH sul lato Avalanche può essere coniato solo se c'è stato un deposito di ETH sul lato Ethereum.

WETH può quindi essere utilizzato per interagire con i prodotti DeFi sull'ecosistema Avalanche.

Per collegare l'ETH di nuovo a Ethereum, l'utente deposita semplicemente il WETH nel contratto di bridging, che viene poi bruciato. L'ETH inizialmente depositato sul lato Ethereum viene sbloccato.

Il bridging non è perfetto - facendo il bridging si ripone fiducia nel contratto di bridging che non fallirà o sarà soggetto a un hack/exploit.

Inoltre, il wrapping e lo unwrapping dei token richiedono spese per la benzina, dato che gli utenti stanno interagendo con un contratto. Nel caso di Ethereum, questo può diventare piuttosto costoso.

Tuttavia, i vantaggi di essere in grado di collegare due ecosistemi e la capacità di trasferire liquidità tra di loro generalmente superano il rischio di fallimento del contratto.

Cross-chain

Un'altra opzione per l'interoperabilità tra le catene è il cross-chain (atomic) swapping.

Uno swap atomic è semplicemente il processo di cambiare un token (es. BTC) con un altro token (es. LTC) rispettando correttamente la conversione del valore.

Per esempio, se un utente avesse 1 BTC del valore di 40.000 dollari e volesse scambiare con LTC, che vale 400 dollari per token, sarebbe in grado di scambiare quel 1 BTC con 100 LTC.

Gli swap atomici sono generalmente peer-to-peer ed eseguiti attraverso l'uso di uno smart contract. Ecco come funziona:


  • Mario desidera scambiare il suo BTC con LTC, quindi deposita 1 BTC nel contract dello swap.

  • Giulia desidera scambiare i suoi LTC in BTC, deposita così 100 LTC nel contract dello swap.

  • Lo smart contract riconosce che c'è abbastanza BTC per soddisfare l'ordine di Giulia, quindi indirizza i 100 LTC di Giulia a Mario e viceversa, inviando il BTC di Mario a Giulia.

  • La transazione è completa.


Il vantaggio di questo tipo di transazione è che nessuna parte può essere truffata dall'altra poiché lo smart contract detiene tutti i fondi in deposito a garanzia.


Tuttavia, le criptovalute coinvolte devono avere algoritmi di hashing (hashing algorithms) simili. Un altro problema è che gli atomic swap funzionano su una base "tutto o niente" - o tutte le monete vengono scambiate o nessuna lo sarà. Questo è inefficiente in quanto il tempo necessario per trovare una controparte con una specifica quantità di monete limita la velocità con cui lo swap può essere eseguito.

Multi-Chain Swaps (Liquidity Pools)

Un'altra opzione che è stata introdotta solo di recente è il cross-chain swapping attraverso i pool di liquidità. Essenzialmente, questo metodo di cross-chain swap viene eseguito in modo simile a un atomic swap.

La differenza principale è che lo swap è istantaneo, e il contract non deve trovare una controparte con abbastanza token per riempire l'ordine.

Questo è possibile grazie a una serie di pool di liquidità utilizzati per facilitare lo swap attraverso un market maker automatizzato. Per maggiori informazioni sui market maker automatizzati, clicca qui.

Qualsiasi asset può teoricamente essere scambiato con qualsiasi altro asset se esiste un pool di liquidità associato.

Attualmente, l'unico vero esempio di scambio decentralizzato multi-chain è il protocollo THORChain.

Il cross-chain swapping è generalmente effettuato con l'assistenza di un token intermediario, nel caso di THORChain questo token è RUNE (token all'interno del nostro portafoglio long term). Ecco come funziona:


  • Mario vuole scambiare il suo BTC con ETH. (Mario è un evidente crypto whale 🐋)

  • Collega il suo portafoglio a THORChain, imposta la quantità di BTC che vuole scambiare e gli viene mostrata la quantità di ETH che riceverà per il suo BTC.

  • Accetta la transazione e il suo BTC viene depositato nel pool di liquidità BTC-RUNE.

  • Dal pool di liquidità BTC-RUNE, il valore equivalente del BTC depositato in RUNE viene indirizzato al pool ETH-RUNE.

  • Il valore equivalente dei RUNE ricevuto dal pool ETH-RUNE viene inviato al portafoglio di Mario come ETH.

  • Mario ha ricevuto il suo ETH e la transazione è completa.


Per visualizzare ciò che è appena successo, ecco una semplificazione:


Portafoglio di Mario > BTC > RUNE > ETH > Portafoglio di Mario


Essenzialmente il BTC depositato è stato scambiato in RUNE che a sua volta verrà scambiato in ETH. Usando questo asset intermediario (RUNE), THORChain è in grado di stabilire collegamenti tra le blockchain e può compensare Mario per i suoi BTC con ETH già esistenti nei pool di liquidità di THORChain.

Questo metodo è molto più flessibile di un atomic swap e viene eseguito istantaneamente e su richiesta. Non c'è nessuna attesa per la controparte. Mario non vede accadere nulla di tutto ciò - per quanto lo riguarda ha scambiato BTC in ETH senza alcun problema.


L'aspetto negativo dello swapping con questo metodo è che spesso c'è uno slippage. Lo slippage è una piccola percentuale della transazione che viene persa a causa della natura dei pool di liquidità. Inoltre, le commissioni di transazione (gas fee) per entrambe le blockchain devono essere considerate in quanto la transazione deve essere registrata su entrambe le blockchain.




Comments


Iscriviti alla Newsletter

 

Grazie per l'iscrizione!

Ultimi Articoli

bottom of page